RiceWeek Live – 28a puntata

Appuntamento con RiceWeek Live di settembre. Partenza ritardata da un estate più mite rispetto al 2020. Le prospettive, sia quantitative che qualitative, sono positive in confronto con la scorsa stagione. Per contro l’industria si presenta con poche scorte alla partenza di un autunno che, sotto alcuni aspetti, si presenta febbricitante. In questa puntata ci soffermiamo sull’analisi dei prezzi delle ultime stagioni.

Approfondimento: di seguito mettiamo a vostra disposizione in formato pdf le slides mostrate nel video, da consultare o scaricare

Analisi Mercato del Risone #38/2021

“La prudenza è d’obbligo”. Lo scrivevamo esattamente un anno fa. E potremmo riproporre quasi per intero il testo. Escluso l’andamento climatico (in agosto non si è verificato il caldo torrido della scorsa estate). A complicare la situazione, quest’anno, ci ha pensato la “globalizzazione” (ma come non doveva rendere la vita più semplice a tutti i cittadini?). Blocchi navali, scioperi, rincari delle materie prime e i possibili rincari autunnali di gasolio , elettricità e metano. Anche se i prezzi risultano superiori a pari data rispetto a 12 mesi fa, la tentazione non sembra prendere il sopravvento. Passando per le campagne in questi giorni, i motori non scalpitano.

Analisi Mercato del Risone #37/2021

Tecnicamente è iniziata la campagna 2021-22. I dati relativi ai trasferimenti pubblicati dall’ENR ripartono da zero. E’ altamente improbabile che si tratti del nuovo raccolto. In questi ultimi giorni nelle Borse Merci l’unica conferma riguarda una partita di CL388 (oltretutto un quantitativo modesto). Gli operatori di borsa sono obbligati a indicare nei contratti l’anno di produzione. I risicoltori sono obbligati a denunciare la rimanenza entro il 31-8. Perchè l’ENR, almeno per settembre e ottobre, non differenzia i dati di traferimento in base all’anno di produzione? Nel 2021 a fare certi lavori ci pensano i computer.

Analisi Mercato del Risone #36/2021

Prime impressioni di settembre. La Coldiretti annuncia che l’Italia ha raggiunto l’autosufficienza alimentare. Peccato che si tratta di bilancio export-import in positivo grazie alle bollicine nostrane. All’estero brindano, con i nostri vini, agli ottimi risultati ottenuti da grano, soia, mais e riso esportati in Europa. Per intenderci: il Vietnam, mercato ancora molto piccolo per il vino, ha aumentato i consumi del 9,6% anche grazie agli accordi commerciali con l’UE che riducono le tariffe e i dazi. Pronti! Via!