Analisi Mercato del Risone #15/2021

A condizionare le contrattazioni in questo periodo pesano due elementi che non rientrano nelle caratteristiche merceologiche ma riguardano condizioni “esterne”. I ritiri, ovvero la logistica, e il calo dei consumi che, conseguentemente, rallenta il calo delle scorte nei depositi della GDO e ne condiziona i futuri acquisti. In queste condizioni, anche in presenza di un’offerta limitata, le contrattazioni hanno tempi dilatati da una domanda più riflessiva. Il mercato, quindi, ristagna riportando aggiustamenti sia di prezzo che di pagamento. Continua il buon momento per il tondo, mentre i “lunghi A” da esportazione, per ora, non destano molto interesse. Stabili le varietà da mercato interno, con maggior interesse per Arborio e similari, mentre l’Indica (o lungo B) viene contrattualizzato con prezzi inferiori ai massimi per pagamenti entro la fine di luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *